PROTOCOLLO D'INTESA DOPOSCUOLA

14.05.2013 15:04

Tra la Parrocchia San Giovanni Bosco, la Scuola ITC "Sturzo" di Bagheria, il Liceo Classico Statale “F. Scaduto”, il Liceo Scientifico “Giuseppe D’Alessandro” , IPSIA “Salvo D’Acquisto”, l’I.C.“Tommaso Aiello”, l’Associazione di Volontariato “AGAPE”, per la realizzazione di un progetto di volontariato  per l'anno scolastico 2012/2013,

                                                 

CONSIDERATO

che

la Parrocchia, le Scuole e l’ Associazione intendono realizzare un'effettiva integrazione delle attività di volontariato per la realizzazione dei laboratori di doposcuola, danza e ginnastica artistica per i minori della città di Bagheria,

 

VIENE STIPULATO IL PRESENTE ACCORDO

Art.1

(Finalità del progetto)

I Laboratori di doposcuola, danza e ginnastica artistica, si propongono di seguire bambini/e e ragazzi/e nello svolgimento dei compiti scolastici e nelle attività ludiche-sportive. La realizzazione dei laboratori risponde al bisogno di aggregazione, socializzazione e solidarietà dei giovani, oltre ad essere un punto di riferimento per le famiglie che non riescono ad  aiutare i propri figli nello studio. Scopo dei Laboratori:

  • Creare uno spazio di accoglienza per i minori del territorio;
  • Garantire attenzione e cura dei minori che vivono situazioni di disagio; 
  • Far assumere agli studenti delle scuole medie superiori, attraverso l’esperienza di volontariato, maggiore consapevolezza e maturità nei comportamenti di cittadini attivi, sensibili e disponibili alla solidarietà vissuta in prima persona;
  • Sostenere le famiglie nel rapporto con la scuola
  • Offrire al territorio un valore aggiunto nella promozione della solidarietà e del volontariato;

 Art.2

 (Supervisione)

Gli alunni delle scuole medie superiori impegnati nell’attività di volontariato saranno seguiti dagli operatori adulti durante le ore di attività nei laboratori. È previsto inoltre un’accompagnamento costante dei giovani volontari durante l’anno, con incontri mensili realizzati da una psicologa, per aiutare i ragazzi a superare le difficoltà che potranno incontrare.

Art.3

(Formazione)

I percorsi formativi che vedranno impegnati  gli studenti che svolgeranno l’attività di volontariato, riguardano le tematiche relative alla relazione educativa, il metodo di studio, le dinamiche di gruppo, il ruolo del volontariato. La proposta si traduce in percorsi di tre incontri d’inizio a breve distanza l’uno dall’altro, e in seguito di un incontro mensile per tutta la durata dei laboratori.

Art. 4

(Gruppo di progetto)

II gruppo di progetto sarà composto dai docenti referenti del Progetto di Volontariato, dal Parroco della Parrocchia San Giovanni Bosco, dai presidenti delle Associazioni. La responsabilità del coordinamento e dell'organizzazione dei corsi resta a carico del gruppo di Progetto.

Art. 5

(Ruolo dei soggetti partner)

La Parrocchia metterà a disposizione docenti in pensione e coordinatori che faranno da supporto ai volontari inviati dalle scuole, l’I.C. “Tommaso Aiello” metterà a disposizione le aule e la palestra della scuola elementare “Puglisi”, l'I.T.C.” L. Sturzo", il Liceo Classico “F.Scaduto”, il Liceo Scientifico D’Alessandro, IPSIA D’Acquisto, metteranno a disposizione gli alunni del triennio,

l’Associazione Agape metterà a disposizioni i tutors volontari. Tutti i soggetti del partenariato metteranno a disposizione le proprie risorse nell'ottica della massima coerenza con gli obiettivi perseguiti.

Art.6

(Monitoraggio e valutazione)

L'azione di monitoraggio e di valutazione è affidato allo stesso gruppo di progetto, il quale avrà cura di seguire i risultati conseguiti dai partecipanti ai laboratori e di evidenziare le competenze acquisite dagli studenti  impegnati nell’attività di volontariato.

Art.7

(Certificazioni e riconoscimento delle competenze)

A conclusione dei laboratori verrà rilasciato un attestato finale certificante l’attività svolta degli studenti impegnati nell’attività di volontariato.

Art.8

(Scelta dei destinatari)

Gli alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado parteciperanno ai Laboratori su invio della scuola o su richiesta della famiglia. Gli studenti che svolgeranno l'attività di volontariato saranno gli allievi del triennio di scuola secondaria di secondo grado e saranno inviati dalle scuole.

Art.9

(Dichiarazione finale)

Le parti si impegnano a realizzareil presente protocollo in tutte le sue parti, per concorrere ad un'effettiva crescita civile e morale degli alunni.

 

 

Bagheria,  03/10/2012